Comune di Cernusco Sul Naviglio

Cernusco 2032: anche quest'anno il Comune aderisce a "M'illumino di meno"

Data: 11 febbraio icona per facebook icona per la stampa della pagina

Il 13 febbraio luci spente in alcuni luoghi della città

Proseguono le “buone pratiche” di Villa Greppi nell’ambito di “Cernusco2032”, il progetto che vuole riunire tutte le azioni per costruire la Cernusco del futuro. Nei giorni scorsi l’Amministrazione comunale ha aderito a “M’illumino di meno”, l’iniziativa promossa dalla trasmissione Caterpillar di Radio2 per sensibilizzare l’opinione pubblica ad un uso più razionale dell’energia. Così il 13 febbraio, la giornata nazionale del risparmio energetico, e nei due giorni seguenti il Comune spegnerà simbolicamente l’illuminazione nel giardino di Villa Greppi e le luci a pavimento di piazza Unità d’Italia.

“Oltre ad interventi di natura tecnologica – ha ricordato l’Assessore all’Ambiente e alla Mobilità sostenibile Ermanno Zacchetti – che riguardano, ad esempio, l’acquisto di elettrodomestici, gli interventi di riqualificazione edilizia, l’installazione di impianti di produzione dell’energia da fonte rinnovabile, basterebbero azioni concrete nel nostro comportamento nel consumo di energia per ottenere risparmi energetici stimati fino al 20% della spesa di ogni famiglia. Le azioni per modificare i nostri comportamenti forse non sono risolutive, ma certamente rappresentano una palestra molto importante per lo sviluppo di una nuova cultura energetica che già da diversi anni stiamo costruendo concretamente a Cernusco”. Iniziative come “M’illumino di meno” servono proprio a farci riflettere sul valore dei comportamenti quotidiani.
Poiché le azioni di attenzione all'ambiente acquistano una grande efficacia solo se sono frutto di comportamenti virtuosi da parte di tutti, il Comune invita anche i pubblici esercizi della città ad aderire all’iniziativa organizzando iniziative in favore del risparmio energetico come ad esempio cene al lume di candela e i cittadini a seguire le buone pratiche di attenzione ambientale.

In particolare, sono 10 i consigli presenti sul sito dell’iniziativa “M’illumino di meno”, utili ogni giorno:
1. In casa e su luogo di lavoro ricordarsi di spegnere le luci di stanze, bagni, scale o corridoi quando la luce naturale è sufficiente e quando nei luoghi da illuminare non sono presenti familiari e colleghi. Inoltre, sostituendo le lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo, si possono ridurre del 7% i consumi annui totali di energia elettrica.
2. Spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici domestici e nei luoghi di lavoro. In questo modo si potranno ridurre i consumi di elettricità dal 5 al 10%.
3. Controllare la temperatura della propria abitazione e del luogo di lavoro. Riducendo la temperatura ambiente di appena 1°C si possono tagliare i consumi ed i relativi costi del 5-10% all’anno. Inoltre, riprogrammando il termostato per abbassare la temperatura di notte, o quando nell’ambiente non c’è nessuno, e rialzarla al mattino o al rientro in casa ed in ufficio, la bolletta sarà più leggera del 7-15%. Durante l’estate si raccomanda di impostare la temperatura dei condizionatori non oltre sei gradi in meno rispetto alla temperatura esterna.
4. Il ricambio d’aria nei locali deve avvenire in tempi rapidi e con le finestre spalancate, mentre è controproducente tenere le finestre socchiuse per ore. Inoltre, si consiglia di ridurre gli spifferi provenienti dagli infissi utilizzando del materiale isolante che impedisca il passaggio dell’aria e non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni, inserendo apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni ed i caloriferi.
5. Sbrinare frequentemente il frigorifero, tenendo la serpentina pulita e distanziata dal muro per favorire il ricircolo dell’aria. Inoltre, ricordarsi che la temperatura raccomandata per il frigorifero è tra 1 e 4°C e per il congelatore è di -18°C. Per ogni grado al di sotto di queste temperature il consumo aumenterà del 5%.
6. Non usare il ciclo di prelavaggio della lavatrice. Evitando questo passaggio è possibile risparmiare fino al 15% di energia.
7. Spegnere il forno ed i fornelli qualche minuto prima del termine della cottura dei cibi lasciando che il calore residuo completi l’opera. Sul luogo di lavoro, utilizzare con moderazione gli apparecchi elettrici per scaldare l’acqua per il caffè o il tè e, se sono presenti grossi distributori di bevande e/o alimenti, verificate se è possibile tenerli spenti di notte;
8. Verificare la temperatura dell’acqua. E ’inutile tenere il termostato del boiler oltre i 60°C. Lo stesso vale anche per l’acqua necessaria al riscaldamento.
9. Attenzione alla pressione degli pneumatici: se è inferiore a 0,5 bar, l’automobile utilizza il 2,5% in più di carburante. Inoltre, utilizzando un olio a bassa viscosità per il motore, si può ridurre il consumo di carburante di oltre il 2,5%. Anche in automobile non abusare dell’aria condizionata che aumenta i consumi complessivi del 5% circa.
10. Utilizzare l’automobile il meno possibile e, se necessario, condividerla con chi fa lo stesso tragitto. In alternativa, scegliere di recarsi sul luogo di lavoro utilizzando la bicicletta o i mezzi pubblici.

“In merito a quest’ultimo punto – ha concluso l’Assessore Zacchetti - sono stati consolidati in questi giorni i numeri relativi all’anno 2014 di “Meglio in bici”, il sistema di bike sharing dei comuni di Cernusco sul Naviglio, Carugate e Pioltello pensato soprattutto per spostamenti gli spostamenti casa–lavoro. Nell’ultimo anno sono stati 395 gli utenti attivi (+51% rispetto al 2013) per 12.186 transazioni (+9%) e 14.345 km percorsi (+31%); uno spostamento su quattro ha riguardato la tratta MM Viale Assunta – Zona Industriale (e ritorno) e il 40% degli spostamenti totali ha coinvolto almeno una stazione di bike sharing presente a Cernusco sul Naviglio. Sono numeri che confermano la validità dell’intuizione iniziale e che si stima abbiano permesso di risparmiare nell’ultimo anno l’emissione di 2.295 Kg di CO2”.